Descrizione dell’escursione

Se si vuole ammirare un bel po’ di architettura Walser la Val Vogna, laterale della Val Sesia, è sicuramente uno dei luoghi dove andare a scarpinare. Questa valle era percorsa dagli emigranti che seguivano l’Antica Via Regia, collegamento tra Ducato di Milano e Svizzera e Francia scendendo a Gressoney St.Jean in Valle del Lys attraverso il Colle di Valdobbia. Sul passo può vantare la presenza dell’Ospizio Sottile, luogo di sosta e primo ed altimetricamente più elevato ospizio presente sulle Alpi (anno di costruzione 1823 e quota 2480 m), che vedremo dal nostro percorso di salita quando saremo in quota.

La nostra meta, il Rifugio Carestia, è intitolata all’Abate Antonio Carestia, che oltreché delle anime si prendeva cura anche di piante e ramponi, essendo botanico ed alpinista, intimamente legato a questi luoghi, e vien da pensare che doveva indubbiamente esser bella la vita dei religiosi nell’800…  Situato in posizione panoramica, sorge dal recupero dell’alpeggio dell’Alpe Pile, con una bella vista sulle montagne di confine tra Piemonte e Val d’Aosta.

Un primo tratto di salita alternata a discesa toccherà diversi nuclei di case walser sul versante idrografico sx della Valdobbia, per poi iniziare a salire più decisamente in mezzo ad un bel lariceto che offre frequentemente aperture sulla valle. Mai proibitiva, la salita richiede comunque un po’ di allenamento perché a fine giornata saranno pur sempre 1000 m di dislivello. Arrivare su però apre lo stomaco, in tutti i sensi… facendo venir voglia di mangiarsi qualche montagna li attorno. A dispetto della toponomastica dei luoghi, l’appetito vien mangiando, e sono certo che questa valle saprà stuzzicarvi.

Rispetto al passato, stavolta sarà un anello, ed andando in infrasettimanale sarà possibile avanzare un po’ di più con l’auto – cosa vietata in estate nei fine settimana – ed avere più agio per la parte più alta del giro. Che è un bel giro, devo dirvelo?

Informazioni tecniche

Numero dei partecipanti : min 3/15 max.
Dislivello: +/- 1020 m circa.      Quota massima raggiunta: Rif. Carestia 2209 m.
Lunghezza: 11,8 km circa.      Tipologia di percorso:
ad anello.
Livello di difficoltà: MEDIO+ (leggi qui cosa significa). Percorso con tratti ripidi in salita che richiede un minimo di allenamento.
Tempo: 6 h 30′ soste incluse.   Pranzo: al sacco.

Viaggio: auto in condivisione.

Costo dell’iniziativa: 25,00 €/persona (10,00 € di caparra mediante app Satispay o bonifico bancario, il rimanente da pagare, preferibilmente in contanti, il giorno dell’escursione). 

Costi di viaggio: i costi saranno suddivisi tra i partecipanti, ed andranno saldati SOLAMENTE IN CONTANTI. In caso di buon riempimento delle auto (almeno 8 partecipanti su due auto, oppure 13 su 3 auto), gli autisti saranno esentati dai costi di viaggio. In caso contrario parteciperanno delle spese in misura minore, proporzionale al mantenimento della quota auto contenuta per tutto il gruppo.

Partenza da Milano, da Via Collecchio di fronte alla parrocchia di S.Maria Nascente, metro QT8 linea ROSSA, alle ore 7.00, con arrivo alla località Ca di Janzo (Riva Valdobbia, VC) alle 9.20. Rientro a Milano previsto per le 20.00.

Per iscriversi è necessario contattare via email la guida scrivendo a donald.suzzi@gmail.com.

L’iscrizione sarà considerata effettiva solamente dopo il versamento di una caparra di 10,00 € attraverso l’app Satispay, o in alternativa per mezzo di bonifico bancario.

Per attivare la copertura assicurativa INFORTUNI per i partecipanti è necessario nella mail di iscrizione riportare i propri dati anagrafici (nome e cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale). Info anche telefonicamente al numero 328 8398195.

Accompagnamento professionale tenuto da Donald Suzzi, Guida Ambientale Escursionistica e professionista ai sensi della Legge n.4/2013 (socio LAGAP, n.116), regolarmente assicurato come da normativa vigente. P.iva 04068270406.

La quota comprende: Servizio di Guida Ambientale Escursionistica per tutta la durata dell’iniziativa e copertura assicurativa infortuni per gli accompagnati.
La quota NON COMPRENDE: tutto quello non definito nella “quota comprende”: il viaggio da e per punto di ritrovo, il pranzo al sacco, la merenda, ecc.

In caso di rinuncia all’uscita da parte del cliente fino a 3 giorni dalla partenza dell’escursione (es. mercoledì per uscita al sabato, giovedì per uscita di domenica), la caparra versata sarà trattenuta ma considerata valida per 2 mesi dalla data di quella originaria, per la partecipazione ad una nuova escursione.

In caso di comunicazione della rinuncia – per qualunque motivazione – entro 2 giorni dalla partenza dell’escursione (es. giovedì per uscita al sabato, venerdì per uscita di domenica), la stessa caparra andrà persa. In ogni caso, la rinuncia all’uscita da parte del cliente non prevede in alcun modo rimborsi di tipo economico.

In caso di annullamento dell’escursione da parte della guida, per mancanza di partecipanti, motivi relativi al meteo, di forza maggiore o comunque non dipendenti dagli iscritti, è previsto il rimborso della caparra versata, oppure la possibilità di fruirne per una uscita futura, nell’arco dei successivi 3 mesi dalla data dell’escursione originaria.

Equipaggiamento Estivo Obbligatorio:
Scarponi da trekking alti e impermeabili o in alternativa scarpa bassa da escursionismo/trail con suola scolpita, abbigliamento a strati da trekking, giacca impermeabile (guscio tipo goretex), un pile, fascia/berretto e guanti leggeri, occhiali da sole e crema solare, torcia frontale e kit di pronto soccorso personale, consigliato un cambio completo da lasciare in auto (comprese le scarpe). Acqua almeno 1,5 L. Fortemente consigliati i bastoncini da trekking.

Altre info: La guida si riserva di escludere chi non ritenesse idoneo per condizioni o equipaggiamento, per la tutela della sicurezza della persona stessa e/o della sicurezza del gruppo. In caso di motivata esclusione non sono previsti rimborsi di viaggi e di nessun altro tipo, se non l’eventuale quota di partecipazione versata, anticipi compresi. Si chiede di avvertire il prima possibile in caso di rinuncia all’escursione.

Alcune foto di questo trek