Descrizione del trekking

Questo trek di due giorni arriva a colmare una lacuna importante, portandoci là dove nessun K era giunto prima. Sì certo, di valli e montagne ce n’è così tante che hai voglia ad arrivare ovunque, non basterebbero due vite! Per cui sì, è sempre una questione di scelte, in primo luogo, e poi di incastri. Sta di fatto che la Val Malenco ha da Milano la distanza esattamente sbagliata per una giornaliera in gruppo, mentre si adatta bene ad una due giorni, quindi… eccoci qua!

Luoghi notevoli, che strizzano l’occhio alle montagne alte e che sono lì sul confine con la Svizzera, dove di là sono ancora ghiacciai mentre di qua, a sud sono oramai già solo triste messaggio di un caldo avvenire.

Ci concederemo due giri in due zone diverse della valle, ma partendo sempre da dove finisce la strada: la salita al Rifugio Del Grande – Camerini, a casa Disgrazia (3678 m) che vedremo nel suo volto che generalmente ci è nascosto, ovvero quello settentrionale; la salita al Monte delle Forbici (per EE, ma evitabile), dalla Diga di Campomoro, con l’eventuale salita al Rifugio Marinelli – Bombardieri, a 2813 m, da cui godere del Piz Roseg e del Bernina tremila alti ed il quattromila più orientale dell’arco alpino.

Il primo giorno si presta a possibili variazioni sul tema, ed evitando la cima si addolciscono pendenze e difficoltà. Terremo poi come eventuale ripiego, nel senso di giro più facile e veloce, l’anello del ghiacciaio Fellaria, in caso il meteo lo consigliasse, ma ci tengo anche a sganciarmi dalla narrazione, piuttosto andante, della vista sul ghiacciaio con selfie ricordo… soprattutto quest’anno, visto il clima.

Qualche catena, un minimo di esposizione ed un contesto di alta montagna, severo il giusto, ci faranno assaporare fatiche belle ed alla portata di molti… Si è a fine estate ragazzi, tirate fuori le gambe!

Informazioni tecnico/pratiche

Periodo di svolgimento:  3 – 4 Settembre 2022.

Tipologia: trekking residenziale con pernotto in albergo.

Numero dei partecipanti : min 3/12 max.
Dislivelli positivi: +1050 m e +1500 m circa (possibile evitare la vetta).     Altitudine max raggiunta:  Monte delle Forbici 2910 m
Lunghezze degli itinerari: 12-18 km circa.
Livello di difficoltà: MEDIO/IMPEGNATIVO (evitando la salita a Monte delle Forbici, il primo giorno prevede 250 m di dislivello e circa 1 Km in meno)

Durata: 7 – 8 h soste incluse.

Partenza da Milano, dietro alla stazione di LAMBRATEdal piccolo parcheggio su Via Rombon a fianco del distributore Q8 (raggiungibile con METRO linea verde, fermata Lambrate FS) alle ore 6.45 con arrivo in località Diga di Campo Moro (Lanzada, SO) alle 9.30. Rientro a Milano previsto il 4 Settembre per le 19.00.

Possibili altri punti di ritrovo lungo la strada.

Viaggio: auto in condivisione. Le spese di viaggio saranno suddivise tra i partecipanti, esclusi gli autisti e la guida.

Sistemazione per il pernotto presso l’Hotel Gembro, a Chiareggio, in camere doppie. Il trattamento previsto è di mezza pensione. 

I pranzi sono tutti al sacco ed a carico dei partecipanti. 

Accompagnamento professionale: Donald Suzzi, Guida Ambientale Escursionistica, socio LAGAP (n.tess.116), regolarmente assicurata come da normativa vigente, P.iva 04068270406.

Costo dell’accompagnamento professionale: 62,00 €/persona per un gruppo di almeno 7 partecipanti.

Costo del pernotto, da prenotare autonomamente a carico dei singoli partecipanti, 57,50 €/persona (bevande escluse), da pagare direttamente in loco all’albergatore.

Supplemento quota per eventuali gruppi ridotti, a copertura delle spese di pernotto della guida:

  • 5,00 €/gg/partecipante (tot. 10,00 €) per gruppi di 4-6 persone.

Partenza assicurata con un minimo di 4 iscritti, ma con il pagamento di una quota aggiuntiva come descritto sopra, per gruppi di 4-6 partecipanti. L’eventuale quota aggiuntiva per gruppi ridotti andrà versata direttamente alla guida, in contanti alla partenza del trekking. Il mancato raggiungimento del numero minimo di partecipanti è causa di annullamento della proposta escursionistica.

La prenotazione sarà considerata valida al versamento di una caparra di 40,00 €. Il saldo della quota escursionistica dovrà avvenire entro la partenza. Per rinunce prima di 7 giorni dalla partenza, o più tardive ma con sostituzione del partecipante, verrà restituita la caparra.  Rinunce dopo tale data non daranno luogo a restituzioni della quota versata.

La quota accompagnamento COMPRENDE: Servizio di Guida Ambientale Escursionistica per tutta la durata dell’iniziativa, polizza infortuni per gli accompagnati.

La quota pernotto COMPRENDE: sistemazione in mezza pensione in rifugio, come descritto nella proposta.
La quota NON COMPRENDE: tutto quello non definito nella “quota comprende”: il viaggio da e per punto di ritrovo, i pranzi al sacco, i mezzi di trasporto, la merenda, ecc.

Equipaggiamento Estivo Obbligatorio
Scarponi da trekking alti e impermeabili, o in alternativa scarpa bassa da trail running o escursionismo, con suola scolpita, abbigliamento a strati da trekking, leggero ma con un maglione o pile nello zaino, giacca protettiva impermeabile (in Goretex o similari), fascia o berretto, guanti leggeri, coprizaino. Almeno 1,5 L di acqua a testa, , occhiali da sole e crema solare ad alta protezione, torcia frontale, kit di pronto soccorso e medicinali personali.
Fortemente consigliati: bastoncini da trekking.

Altre info: la guida si riserva di escludere chi non ritenesse idoneo per condizioni o equipaggiamento, per la tutela della sicurezza della persona stessa e del gruppo. In caso di motivata esclusione non sono previsti rimborsi di viaggi e di nessun altro tipo, se non l’eventuale quota di partecipazione versata, anticipi compresi. Si chiede di avvertire il prima possibile in caso di rinuncia al trekking.

Informazioni relative alla situazione epidemica da COVID-19

Al fine di tutelare tutti i partecipanti e nell’intento di collaborare al contenimento della patologia denominata COVID-19, è fatto esplicito divieto di iscrizione all’escursione –  sotto la propria personale responsabilità:
1. a chiunque manifesti sintomi influenzali anche modesti;
2. a chiunque, sottoposto ad esami, risulti, al momento della partecipazione, positivo al tampone per la ricerca del SARS-CoV-2;
Durante il trekking si raccomanda l’osseranza delle principali misure igienico-sanitarie ed un minimo di distanziamento interpersonale. Durante il viaggio in auto è consigliato indossare una mascherina di tipo FFP2. 

Ogni partecipante, iscrivendosi al trekking, accetta quanto sopra riportato e solleva la guida da responsabilità civili o penali riguardanti l’inosservanza delle indicazioni fornite, da seguire in materia di COVID-19.

Alcune foto di questo trek

Il programma in dettaglio

Sabato 3 Settembre

Escursione: Diga di Campo Moro (2000 m) – Rifugio Carate Brianza (2640 m) – Monte delle Forbici (2910 m) – Rifugio Marinelli Bombardieri (2813 m) – ritorno sulla stessa via.

Dislivello: +/- 1500 m . Quota max raggiunta:  Monte delle Forbici 2910 m.

Lunghezza: 18,5 km circa.

Durata: 8 h soste incluse.

Tipo di percorso: A/R sullo stesso tracciato.

Livello di difficoltà: IMPEGNATIVO (per dislivello, lunghezza e terreno per la vetta, a tratti su sfasciumi). Senza la cima MEDIO/IMPEGNATIVO.

Domenica 4 Settembre

Escursione: Pian del Lupo, Chiareggio (1610 m) – salita al Rifugio Del Grande – Camerini (2560 m) dalla Val Sissone – discesa dall’Alpe Vazzeda per chiudere l’anello.

Dislivello: +/- 1050 m. Quota max raggiunta: 2560 m.

Lunghezza: 12 km circa.

Durata: 6 h soste incluse.

Tipo di percorso: ad anello.

Livello di difficoltà: MEDIO/IMPEGNATIVO (un tratto attrezzato non difficile, ma nemmeno banale, da affrontare in salita).

Prima di procedere con la prenotazione assicurati di leggere bene il regolamento.

Se ne hai necessità, richiedi ora le ultime info!

Ti risponderemo a breve